Costruiamo ben-essere con la Gentilezza

(viaggio fra le parole, per costruire ben-essere)

di Annamaria Sudiero –

La gentilezza a parole crea confidenza. La gentilezza nei pensieri crea profondità. La gentilezza nel dare crea amore.                   

Spesso le mie riflessioni si tramutano in immagini. Mi sono rivista bambina, quasi adolescente, giocare con le bolle di sapone. Ma, in particolare, mi piaceva bagnare con il sapone un angolo del tavolo della cucina e poi soffiarci sopra con la cannuccia, forse lo avrete fatto anche voi. Ne usciva così una mezza sfera, fin qui tutto facile. Il mio divertimento stava però nel cercare di creare, all’interno di questa, altre bolle. Ma appena avvicinavo la cannuccia… puff! La bolla inevitabilmente si rompeva. Dovevo trovare l’arma giusta per poter penetrare… no! Meglio dire… trovare la giusta risorsa per entrare delicatamente in quella fragile bolla. Cambia un po’ la percezione del discorso vero? È meno pesante, più gentile. Voglio dire, facendo forse un banale esempio, che le parole possono essere delicate e leggere, come bolle di sapone appunto, o pesanti come macigni e schiacciare, distorcere, appesantire, ciò che si vuol dire. 

Se immaginiamo che ognuno di noi sia una bolla, le parole e i gesti con i quali cerchiamo di entrare in sintonia con gli Altri, non possono essere certo duri, minacciosi. Devono essere gentili.

Solo così possiamo entrare delicatamente nel mondo altrui, con la mano tesa, col sorriso. Se ci presentiamo con la mano serrata in un pugno, con la faccia imbronciata, chi mai vorrà avere a che fare con noi? Come possiamo pretendere di avvicinarci ad una bolla di sapone con uno spillo e non farla scoppiare?

La gentilezza si può coniugare nelle parole, nei gesti, nei modi di rapportarci e inoltre può essere molto contagiosa. Cominciamo da noi stessi, gli Altri ci seguiranno.  Di parole per poter essere gentili ne conosciamo già tante: grazie, scusa, mi manchi, per favore, come stai, posso aiutarti, bravo, bentornato… E mille altre ancora. E cominciando dalle parole i gesti seguiranno spontaneamente.

Giusto per la cronaca, alla fine sono poi riuscita a non far scoppiare la bolla. Con l’astuccio di una penna Bic, il cui foro era più piccolo, più smussato di quello della cannuccia, meno tagliente, più “gentile” insomma. Sono riuscita a soffiarne anche un paio, una dentro l’altra.

Forse è così, dalle piccole cose, che possiamo imparare ad essere gentili e pazienti. Sicuramente è un buon esercizio!

Tutto ciò che conta è la gentilezza

Lo so che sembra un’ovvietà

Ma è una verità

pensa a tutte le cose brutte del mondo

E poi pensa a te

Pensa a tutti i guai che hai affrontato

E poi pensa a tutte le facce gentili che ti hanno aiutato a superarli

Sono state loro a ricordarti il tuo potere

E nei giorni in cui ti senti senza scampo

Ricorda che è una necessità umana elementare

inondare gli altri di gentilezza, compassione, carrettate d’amore

Indipendentemente dalla razza, dal sesso, dalla collocazione e dai beni materiali

Sarà la gentilezza nel suo significato più essenziale

A portarci da questo oscuro presente

A un tempo verbale più speranzoso, promettente.

Citazione: Mao Tse-tung

Immagini: Bolle e Gentilezza by Pixabay

Versi: La Gentilezza di Charly Cox

Bolla

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...