Esserci … l’iniziativa (2)

Redazione DtA –

Ecco un video con cui chiudiamo un anno di blog. Un anno vissuto davvero pericolosamente.

Qui troviamo la seconda parte della presentazione del Team Counselling e dell’iniziativa che abbiamo inaugurato nel 2020, proprio in coincidenza con l’inizio della pandemia.

Qualche mese fa, in piena estate, in una fase meno complessa in termini di pandemia e restrizioni, molto prima della cosiddetta seconda ondata, ci siamo incontrati e abbiamo voluto rendere visibile con dei video la nostra iniziativa, anche qui non solo mettendoci la faccia, ma cercando in semplicità e autenticità di evidenziare le risorse dedicate, che sono di persone, competenze e tempo. Ancora di più di passione. E tenuto conto del particolare momento storico che stiamo tutti vivendo.

.

Video due: realizzazione e montaggio Stefano – regia Egle. Protagonisti i professionisti del Team Counselling: Anna – Daniela – Egle – Gianni – Vania.

.

Registrazione effettuata prima del Dpcm 24 ottobre 2020

Esserci … l’iniziativa (1)

di Redazione DtA –

Qualche mese fa, in piena estate, in una fase meno complessa in termini di pandemia e restrizioni, molto prima della cosiddetta seconda ondata, ci siamo incontrati e abbiamo voluto rendere visibile con dei video la nostra iniziativa, anche qui non solo mettendoci la faccia, ma cercando in semplicità e autenticità di evidenziare le risorse dedicate, che sono di persone, competenze e tempo. Ancora di più, di passione.

.

Video uno: realizzazione e montaggio Stefano – regia Egle. Protagonisti i professionisti del Team Counselling: Anna Daniela EgleGianni Vania.

Immagine in evidenza Pixabay: il colloquio

.

Registrazione effettuata prima del Dpcm 24 ottobre 2020

Esserci …

a cura della Redazione DtA –

.

Il 2020 sta finendo, ma non si sta esaurendo l’estrema complessità che lo ha finora caratterizzato.

Già nei primi mesi di quest’anno abbiamo lanciato un servizio di ascolto e condivisione online, successivamente implementato dalla modalità del counselling, grazie alla presenza, tra i nostri volontari, di studenti e professionisti counsellor, provenienti da diverse scuole del Vicentino.

Nel breve video che segue il Team Counselling si presenta.

Nei video successivi, che ci accompagneranno nelle prossime settimane, la presentazione personale e dei contenuti sarà più completa.

.

Video a cura di Paolo Rudella – Immagini e grafica a cura di Annamaria, Paolo e Ramune

Un aiuto per tutti coloro che credono nel valore della persona

di Gianni Faccin –

Nel pezzo uscito il 3 dicembre Clitta Frigo scrive: … il lavoro del nostro gruppo ha fatto emergere che gli obiettivi delle attività prioritarie sono soprattutto: 1. l’ascolto e 2.la relazione d’aiuto-counselling. 

Sull’Ascolto lavoriamo da molti anni (sono otto anni proprio in questi giorni, l’8 dicembre 2012 abbiamo inaugurato il primo centro di ascolto a Poleo (Schio) con il Punto d’Incontro San Giorgio), e continueremo a lavorarci come proposta di uno stile di vita, basilare per ogni essere umano.

La Relazione d’Aiuto con il counselling è una strada e non è l’unica. E’ di certo un passo particolare ed avanzato nell’aiutare. E’ una risorsa ed è anche una opportunità che esiste ed è a disposizione della comunità.

Ma di che si tratta?

Mi piace riprendere un bel testo tratto da una fonte amica (gruppo pubblico in Facebook Counselling nella relazione d’aiuto), presente liberamente nel web.

E’ un testo che ho da tempo fatto mio.

Il counselling è una forma di consulenza, che si propone di accompagnare la persona durante temporanei momenti di difficoltà o durante le fasi di passaggio esistenziali. Permette una maggiore consapevolezza della propria situazione e aiuta ad attivare le risorse personali per migliorare la qualità della vita.

Il termine counselling (o counseling) è importato dalla cultura anglo-americana e attualmente non è stato individuato in maniera univoca un termine corrispondente in italiano. Il termine deriva dal latino ‘consul’, da cui derivano consultare, consigliare, ma anche consolare e confortare.

Nell’area di confine tra l’educazione al benessere e il prendersi cura (caring) tipico delle relazioni d’aiuto, il counselling consiste nella conduzione di colloqui che coinvolgono temi personali privati ed emotivamente significativi per il cliente, in cui questo viene ‘aiutato ad aiutarsi’, a gestire, cioè, la sua situazione utilizzando le proprie risorse personali senza dipendere da interpretazioni, consigli o direttive forniti da un altro, per quanto esperto possa essere.

L’originaria intuizione su cui si basa il counselling è quella di Carl Rogers, secondo cui se una persona si trova in un momento di difficoltà, il miglior modo di venirle in aiuto non è quello di dirle cosa fare, quanto piuttosto di aiutarla a comprendere la sua situazione e a gestire il problema, assumendo da sola e pienamente la responsabilità delle scelte eventuali.

Il counselling non si propone di addestrare, non effettua diagnosi e non cura sintomi. Non è psicoterapia, né sostegno psicologico in senso stretto.

Il counselling è un’arte maieutica, un processo di apprendimento interattivo, una modalità di prendersi cura della persona nella sua interezza, attivando un incontro umano di qualità.
E’ infatti soprattutto la qualità della relazione, l’ascolto empatico, il rispetto e una comunicazione genuina e non giudicante, a creare il presupposto in grado di stimolare la consapevolezza e le risorse già presenti nel cliente.
Le competenze di counselling sono applicabili in modo trasversale a molte professioni e a molti contesti. Possono trarne giovamento educatori, formatori, assistenti sociali, psicologi, medici, allenatori sportivi, avvocati, religiosi, volontari impegnati in vari ambiti del sociale, ecc.

Più in generale le competenze di counselling possono essere di aiuto a tutti coloro che credono nel valore della persona e desiderino migliorare le proprie modalità comunicative e relazionali.

In conclusione faccio una breve sottolineatura sulla parola ‘cliente’. Perché questa parola, e non utente, paziente, bisognoso, ecc.?

La parola ‘cliente‘ ben evidenzia, a mio parere, la pariteticità nel colloquio di counselling. Tale situazione esprime la tipicità del counselling, la sua essenza, che la distingue da ogni altra modalità di incontro. Situazione anche funzionale all buona riuscita dei colloqui.

.

(Foto in evidenza: from Talkspace)

.

Foto Cristina Rovetta

Focus sull’incontro umano

Redazione DtA


Proseguiamo, come già scritto nella precedente uscita, con un altro contributo della dr.ssa Marcella Danon, scrittrice, accademica e psicologa italiana.

Nel counseling la priorità è l’incontrarsi


Al di là della metodologia e delle tecniche usate dai diversi approcci nel counseling, questa priorità dell’incontro umano accomuna tutte le scuole, è l’essenza stessa della relazione di counseling. E’ qualcosa che non si impara sui libri, ma che è la vita stessa a insegnare, è un atteggiamento interiore di profondo rispetto e accettazione di sé e dell’altro, che può solo nascere da un lavoro di crescita personale, da un aver sviluppato in prima persona quello che A. Van Kaam definisce “impegno esistenziale”: la consapevolezza della propria fondamentale libertà di fronte alle sollecitazioni della vita, della potenziale creatività di dare direzione e qualità alle relazioni e della responsabilità conseguente nei confronti della propria esistenza.

La formazione al counseling, ai futuri professionisti in questa nuova professione destinata a diffondersi sempre di più, passa necessariamente per un percorso di scoperta, riconoscimento e consolidamento delle qualità umane presenti in ogni persona che abbia affrontato in prima persona un percorso di conoscenza, accettazione e integrazione personale. Un percorso che sviluppa, a sua volta, la sicurezza interiore necessaria per accompagnare un altro essere umano alla ricerca di sé, con la stessa tranquilla fiducia con cui una guida di montagna accompagna un escursionista sul suo percorso: fornendo stimoli ma sapendo attendere che l’altro sia pronto a coglierli, incoraggiando senza forzare, mettendo in guardia senza invadere, guidando, passo per passo, verso una crescente autonomia e una maggior fiducia in se stessi.

Il counseling è basato su una profonda fiducia nell’essere umano, nella sue capacità di autodeterminazione e nei suoi valori più alti potenzialmente presenti in ognuno. E’ questa fiducia che deve impregnare l’atteggiamento di ogni counselor, deve essere il messaggio subliminale che viene passato nella relazione per sostenere la persona nella sua ricerca di sé, con la tranquilla certezza che non spetterà mai al counselor dirle dovere deve andare e cosa deve fare.

Chi conduce l’incontro dovrà “soltanto” essere lì per l’altro, esserci davvero, con tutto se stesso con tutta l’attenzione, l’empatia, la partecipazione di cui è capace chi ha già fatto quella strada in prima persona e decide di intraprendere la professione del “facilitatore” del processo di crescita, della guida di montagna verso tra vette e abissi dell’animo umano, di catalizzatore di un ampliamento di punti di vista e di orizzonti.

Questa presenza, questa capacità di mettere a disposizione la propria umanità, questa autentica premura dimostrata nei confronti del proprio interlocutore, prima ancora di qualsiasi tecnica o strategia pianificata a tavolino, sono gli elementi fondanti, peculiari e vincenti di questa nuova professione di aiuto, del counseling.


Escursione a due sulle alture del Vietnam – Pixabay

Counseling … Incontrarsi!

Redazione DtA

Questo pezzo e il prossimo – con cui inauguriamo settembre -fanno riferimento a quanto scritto dalla dr.ssa Marcella Danon, scrittrice, accademica e psicologa italiana. Si tratta di riflessioni e argomentazioni che focalizzano il tema dell'”incontro“. E siamo in tempi in cui l’incontro tra persone viene, per i noti motivi, complicato e discusso in continuazione.


Counseling: il potere dell’incontro umano.

Si sta diffondendo sempre di più in Italia il counseling, una professione che insegna a valorizzare e potenziare le proprie capacità di ascolto ed empatia per metterle al servizio della crescita personale altrui, in tanti ambiti diversi.

E’ un atteggiamento professionale peculiare quello con cui il counselor si rivolge al cliente, a metà strada tra il rituale distacco del medico e il caldo coinvolgimento dell’amico del cuore, tra l’aritmetica competenza del commercialista e quella carismatica di un maestro. Carl Rogers stesso, in “Psicoterapia di consultazione”, definisce il counseling come “un legame sociale diverso da tutti quelli che l’individuo può aver sperimentato fino a quel momento”. Che cosa caratterizza questa relazione, la cui specificità ha portato alla decisione di non italianizzare il nome della professione ma di mantenerne la dizione originaria – counseling – dal significato così insostituibile?

Proprio il fatto che, prima ancora di essere un rapporto professionale, il counseling è un rapporto umano.

E’ un momento privilegiato di interazione in cui il counselor crea le condizioni per una comunicazione autentica, in cui il cliente si senta accolto, ascoltato, accettato, compreso. In un tipo di società dallo stile di vita sempre più frenetico, anonimo e automatizzato nelle relazioni interpersonali, diventa sempre più difficile per le persone crearsi situazioni in cui potersi aprire con un interlocutore senza doverne temere il giudizio, la considerazione superficiale, il disinteresse o addirittura il rifiuto.

Il counseling risponde a questa profonda necessità di incontro autentico e di condivisione di riflessioni inascoltate che spesso, una volta accolte da un orecchio attento, da sole si incanalano verso una possibile risoluzione adatta alla persona. Anche in questo il counseling si distingue da altre relazioni professionali, nel suo accompagnare dolcemente l’interlocutore verso l’esplorazione della sua situazione sostenuto dal sottinteso che sarà lui stesso a poter trovare la soluzione di volta in volta necessaria, che è lui – il cliente – l'”esperto”, l’unico possibile esperto nell’arte di comprendere e dirigere la sua stessa vita.


Incontro – Pixabay

Counseling … quando?

Redazione DtA

Dal sito di AssoCounseling (https://www.assocounseling.it/)

Quando è utile un intervento di counseling?

Il counseling non è una forma di terapia (medica o psicologica) o di sostegno psicologico.

Il counseling è un percorso di crescita, di responsabilizzazione, di maturazione durante il quale siamo seguiti da un professionista, il counselor, che ci accompagna alla scoperta di un futuro diverso.

Il counselor non dà consigli, non offre soluzioni e non indica scorciatoie.

Il counselor ci accompagna verso mete e obiettivi che noi stessi abbiamo stabilito, e aiuta a far sì che ognuno di noi possa dare il meglio di se stesso: nella vita privata, nella scuola, nel lavoro, nei rapporti di coppia e familiari.

Ognuno di noi possiede delle potenzialità e delle risorse: il counselor ci aiuta ad esprimerle.

Capita a tutti nella vita di attraversare dei momenti difficili. Questi momenti sono caratterizzati, per lo più, da una così detta “fase di transizione” ovvero da un cambiamento (personale, scolastico, professionale, amicale, etc.).

Durante la nostra vita accadono delle cose che, pur essendo del tutto normali (nasce un figlio, cambia il lavoro, si chiude un ciclo scolastico, etc.), spesso ci lasciano in una situazione di empasse rispetto alla quale non sappiamo bene come muoverci.

Il counseling è utile quando…

. dobbiamo prendere una decisione difficile che riguarda la nostra vita personale o professionale;
. dobbiamo raggiungere un obiettivo che ci siamo posti, ma incontriamo delle difficoltà;
.ci troviamo di fronte ad una scelta lavorativa;
.vogliamo riorganizzare le nostre relazioni familiari, magari in seguito ad una separazione o ad un divorzio;
.i figli diventano grandi e lasciano la loro famiglia d’origine;
.quei figli siamo noi e non sappiamo più come rapportarci alla nostra famiglia d’origine;
.si costruisce o si ri-costruisce un nuovo nucleo familiare;
.incontriamo dei problemi nella vita di coppia;
.incontriamo difficoltà nella carriera scolastica (ad esempio siamo bloccati nella scelta dell’università o nel sostenere un esame);
.ci troviamo in delle situazioni dove, da soli, sentiamo di non farcela.


Angoscia – Foto Pixabay

Ripartiamo … con il Counseling

Redazione DtA – ph. Gianni Faccin

I nostri servizi hanno puntato molto, di recente, sul cosiddetto counselling, attività che entra a pieno titolo nell’area delle relazioni d’aiuto.

Proprio per questo nelle prossime settimane cercheremo di delineare questa modalità d’aiuto, che rappresenta anche una nuova professionalità in Italia, con alcuni pezzi che affronteranno il cuore del counselling, nella speranza di farla conoscere e di diffonderne la validità.

Ma iniziamo oggi con questo pezzo che ripercorre la figura del counsellor o counselor.

Il presente pezzo è stato curato dalla dr.ssa Daniela Grazioli, psicoterapeuta a Milano.

Relazione d’amicizia (Pixabay)

Perché ricorrere a un counselor e non a un caro amico o a qualcuno di saggio ed esperto, quando abbiamo bisogno d’aiuto e ci sentiamo spersi e confusi, perché ci troviamo in una situazione che sembra senza via d’uscita o in una condizione di dolore per qualcosa che ci è accaduto?

Che cosa può dirci di più o di diverso da un amico che ci conosce, un counselor?

Senz’altro niente di più, anzi forse di meno, tuttavia “l’aiuto” elargito in una relazione di counseling è decisamente diverso e più efficace di quello che possiamo ricevere da un amico o chiunque altro.

E questo non perché il nostro amico o chi per lui sia meno bravo, ma perché nell’intervento
di counseling l’obiettivo di accompagnare e sostenere la persona nella soluzione del suo problema esistenziale passa attraverso la riconquista della sua autonomia di scelta e decisione, il riconoscimento delle sue risorse e altro ancora, insomma tutto quello che ci permette sentirci attori e non spettatori della nostra vita.

Ma come? -direte voi- un amico ci conosce, e quindi può comprenderci e di conseguenza aiutarci a sbrogliare la matassa nella quale si è ingarbugliata la nostra vita, meglio di qualcuno che, per quanto competente, non ci ha mai visto.

Ecco quest’ultima affermazione, a prima vista così logica e vera, non è affatto vera.

Il luogo della differenza tra le varie relazioni d’aiuto e la relazione di counseling è nella struttura del colloquio di counseling, un colloquio che per definizione ha lo scopo di potenziare al massimo gli effetti e i cambiamenti positivi che sono naturalmente insiti in ogni relazione umana d’aiuto, e il counselor, che insieme al cliente è uno dei protagonisti
di tale colloquio, deve conoscerne ed apprenderne ogni segreto.

Il counselor perciò non ci darà l’aiuto che ci può dare un caro amico, né il consiglio competente che ci può dare un esperto circa una problematica inerente al suo settore, infatti non possiede né la conoscenza che il primo ha di noi, né la competenza che il secondo ha in un determinato settore, ma la sua preparazione e competenza riguardano specificatamente la conduzione del colloquio d’aiuto, e sarà attraverso questo tipo di colloquio, centrato sul cliente e non direttivo, che saremo aiutati ad aiutarci, perché nel counseling ogni scelta e decisione è sempre opera consapevole e responsabile del cliente, che in definitiva è quanto che ci fa sentire padroni della nostra vita.


Counselor … chi?

Ora, che il “colloquio” non sia una semplice conversazione, ma che abbia una struttura diversa e modalità e regole specifiche a seconda degli scopi e delle situazioni in cui è usato, è ormai cosa risaputa: tutti infatti sappiamo che c’è il colloquio d’assunzione, il colloquio della ricerca motivazionale, il colloquio clinico, il colloquio della psicoterapia, etc., ed ognuno di questi ha una propria forma, proprie regole e procedure da rispettare e obiettivi da raggiungere.

Conversazione – Pixabay

Nel counseling il colloquio faccia a faccia è lo strumento principe e le condizioni che lo rendono efficace sono create soprattutto dalle disposizioni e dagli atteggiamenti del conselor, che assumono perciò una grande importanza.

E’ merito di C. Rogers avere spostato l’attenzione dalle abilità tecniche all’importanza delle qualità umane, sulle quali poi si innescheranno le abilità tecniche. La competenza del counselor nell’aiuto consiste in pratica, nel fare meglio, cioè in modo controllato, consapevole, razionale ed intenzionale, quello che in molte occasioni anche noi facciamo spontaneamente, sembra poco, ma è moltissimo, anzi è ciò che fa la differenza.

Nel counseling perciò doti umane e capacità tecniche per gran parte coincidono, in sostanza la tecnica consiste nel padroneggiare e orientare razionalmente i propri atteggiamenti di ascolto, osservazione, comprensione, empatia, disponibilità, sensibilità, genuinità, che altro non sono che qualità umane.

Queste qualità, è bene ricordarlo, non sono date una volta per tutte, ma devono essere coltivate e sottoposte ad un costante affinamento tramite l’esperienza.

Vediamo adesso più da vicino, attraverso una rapida descrizione delle qualità-abilità e degli atteggiamenti che il counselor deve attivare e di quelli che invece deve evitare nel corso del colloquio, quali sono le dinamiche che si sviluppano e perché scambi ed interazioni condotti in questo modo producano nella persona in difficoltà i cambiamenti desiderati.

Empatia, comprensione, autenticità, riformulazione sono quattro parole chiave del colloquio di counseling, sembrerebbe la scoperta dell’acqua calda: infatti tutti, chi più, chi meno, in determinate circostanze siamo empatici, comprensivi e autentici, tuttavia riuscire a mantenere costanti e controllati tali atteggiamenti senza sconfinare o introdurvi elementi inquinanti che vanificano gli effetti del colloquio, è estremamente difficile.

L’empatia comporta l’uscire da se stessi, l’eterocentrarsi, l’immergersi nell’universo dell’altro senza esserne emotivamente sopraffatti, ma restando lucidi, e perciò obiettivi.

E’ solo tramite un’empatia attenta e continua che il counselor può entrare nel mondo personale del cliente, e comprendere le cose così come appaiono a lui nella sua vita, è in rapporto a tale vissuto infatti che il suo problema si pone.

Empatia e comprensione presuppongono il saper osservare e il saper ascoltare, non basta un atteggiamento di disponibilità integrale, il conselor deve imparare come si osserva e come si ascolta. Una buona osservazione comporta lo sforzo continuo di cogliere la situazione così come viene vissuta dal cliente, si deve osservare ciò che viene detto e ciò che non viene detto, ma è espresso attraverso il tono di voce, la postura, i silenzi, la mimica etc., che sono un’emanazione diretta dei suoi stati affettivi.

Altrettanto difficile è l’ascolto comprensivo, infatti generalmente noi non ascoltiamo, ma sentiamo parole che continuamente interpretiamo soggettivamente, e deformiamo con le nostre griglie di valutazione.

Osservare ed ascoltare per comprendere comportano la neutralizzazione da parte del counselor di tutti i condizionamenti provenienti dalla sua persona, in modo di poter cogliere i significati così come vengono provati dal cliente e in relazione al suo vissuto.

L’autenticità, che non ha niente a che fare con la spontaneità, riguarda lo sforzo di comprendere che deve essere autentico e sincero, altrimenti il colloquio si riduce ad una formula artificiale e il cliente si accorge subito di non essere stato ascoltato.

Una disposizione autenticamente empatica e rivolta ad un ascolto comprensivo secondo i criteri esposti sopra, produce un immediato effetto positvo anche se inconsapevole, sul morale del cliente che, essendo sempre particolarmente sensibile alla qualità della “presenza” dell’operatore, si sente facilitato da tale atteggiamento nell’esprimere ed esporre il suo problema.

Un altro pilastro del colloquio di counseling è la riformulazione che viene applicata a diversi livelli, dalla semplice ripetizione con parole diverse e in modo più conciso di quanto il cliente ha detto, alla riformulazione-chiarificazione che consiste nel mettere in luce e nel restituire al cliente il “senso” di ciò che ha detto, spesso in modo confuso e disorganico, facendo bene attenzione però a non sconfinare in interpretazioni personali.

Gli effetti della riformulazione sono molto importanti. Il cliente, infatti, è solo di fronte al suo problema, ed inoltre essendo completamente coinvolto e immerso nella sua situazione, non gli è possibile prenderne le distanze ed essere obiettivo, in altre parole, sa di conoscere la sua situazione meglio di chiunque altro, ma ne è prigioniero.

Ciò fa sì che, invece di essere libero di riflettere razionalmente, sia spinto a una sorta di “ruminazione” mentale che ripercorre ossessivamente gli stessi pensieri parziali. La riformulazione da parte del counselor ha il potere di rompere il senso d’isolamento e solitudine nel quale la persona si sente avvolta e di sospendere la “ruminazione”, lasciando via libera alla riflessione razionale.

La riformulazione infatti, nella sua forma più semplice è come uno specchio che rimanda al cliente la sua immagine, cosa che gli consente di incominciare a vedersi con un po’ di distacco, e nella sua forma più complessa, quando cioè riesce a cogliere il vero vissuto del cliente, lo fa sentire veramente compreso e già aiutato, e lo spinge a proseguire con fiducia.

Chiaramente la funzione del counselor è molto più complessa e sfaccettata di quanto ho potuto descrivere in questo spazio, spero tuttavia di aver reso chiaro come il colloquio di counseling serva a ripristinare la capacità di autoregolazione e di autodeterminazione, naturalmente insite in ogni uomo, potenzialità che vengono meno ogni volta che ci troviamo ad essere prigionieri di situazioni emotivamente troppo stressanti.

Colloquiare nella natura – Pixabay

La Via del Counseling

di Silvia De Luca (*)


Spesso si pensa che la vita sia una  ricerca di significati che, messi nella giusta posizione, grazie alla pratica dell’esistenza, siano in grado, quasi magicamente, di regalarcene il senso.

Si potrebbe invece, creativamente, decidere di superare questa “visione” scegliendo coraggiosamente di mettersi alla ricerca delle forme che altro non sono se non le “Armonie dei substrati”, quelle atmosfere in cui si espande la voce, il respiro, il battito del cuore.

Cercare le forme può voler dire cercare il proprio spazio-tempo ottimale in una eccitante, seppur provvisoria, collocazione.

Centrare il bersaglio con la puntualità di una “freccia acrobatica” ed essere al contempo simile al petalo di un fiore che assiste alla sua evoluzione.

Cercare la forma, ancor prima del significato, è un notevole esercizio di autodeterminazione.


[*] Molto volentieri ospitiamo oggi un contributo esterno alla Redazione, molto stimolante. E’ un brano tratto dalla rubrica online “Via del Counseling” di Silvia De Luca, che è libera professionista e svolge a Bari l’attività di Counselor della Riprogrammazione – Scuola della Riprogrammazione Esistenziale – ANCORE.

.

Grazie Silvia.


Petalo – foto Pixabay

Il Counselor

di Beatrice Bertoli

Il counseling è un approccio alla persona senza etichette.

Mi approccio con autenticità, curandomi del fatto che quello che sento è quello che dico.

Nel totale rispetto dell’Altro e nel suo essere come risultato di esperienze uniche e non uniformabili.

Mi avvicino alla persona sentendone i sentimenti, le emozioni, il distacco lo si può lasciare a chi per mestiere prescrive la cura.

Per il counselor la cura siamo noi stessi: unici e capaci di investire su quello che è la nostra unicità.

L’ approccio del counselor è frutto di sofferenze provate in prima persona e perciò esperite attraverso l’Altro che ce le racconta, mai giudicate o minimizzate.

Per questo si fa in modo che si aprano le strade non viste dall’Altro, ma là da sempre, pronte ad essere affrontate.

Aprire gli occhi a volte può essere doloroso ma alla fine, la vittoria paga.


[Beatrice Bertoli è Counselor in formazione presso i centri del progetto DIMMItiASCOLTO, quale studentessa di Counseling Relazionale Filosofico ed Artistico Espressivo – Centro Educativo Permanente di Bassano del Grappa – nota Redazione DtA]


Foto Pixabay