Ascolto e Silenzio

Il Silenzio si ascolta?

Gianluigi Coltri, studioso, poeta e scrittore ama recensire testi di autori vari. E’ interessante la recensione di qualche giorno fa su questi temi, decisamente inusuali per la società contemporanea eppure così importanti, per esempio per il bene della persona.

Il pretesto a cui Coltri ricorre è il rapporto con la musica.

“Nella collana filosofica di piccoli saggi dell’Accademia del Silenzio, trova posto anche il confronto tra musica e silenzio. Sembrerebbe una contraddizione in termini, ma Ferrari, musicologo e insegnante di didattica della musica, ci inoltra in un percorso affascinante. Già: si tratta di scoprire il silenzio dentro la musica.
Il silenzio può essere quello dell’ascoltatore, nella sala del concerto, come qui sopra proposto, ma può essere anche dentro la musica. Bach, nella sua “Passione secondo Matteo”, quando arriva il momento cruciale del ‘Mio Dio mio Dio perché mi hai abbandonato’, gli archi, che per tutta la composizione hanno accompagnato ogni parola di Gesù, qui tacciono. Gesù muore solo, ed anche musicalmente questo viene sottolineato. Da brivido, ma siamo in presenza di Bach, l’assoluto genio musicale.
Ma c’è anche un altro significativo luogo musicale per il silenzio: la pausa. E’ questo un silenzio espressivo, che apre scenari nuovi.  Mi allontano dal saggio di Ferrari: penso alle produzioni musicali dell’etichetta ECM, diretta da Manfred Eicher, che del silenzio ha quasi un culto. Molti lavori sembrano avere le note appese al silenzio, sospese in atmosfere rarefatte, meditative. Qualcuno, ogni tanto, dice che sono anche noiose, ma io trovo comunque che si tratti di proposte veramente alternative, in tempi come questi, dove domina il chiasso. Nel medioevo, nell’arte dominava l’horror vacui, la paura del vuoto, così bisognava riempire tutto, la parete di pittura, il fregio di decorazioni. Oggi, ci riempiamo di rumori: per non ascoltarci, forse, perché non sappiamo più restare con noi stessi”.
(Gianluigi Coltri)
Brano recensito:
“Comincia il concerto. La sala è piena, le luci si spengono, il pubblico tace. Entra il pianista e suona un Notturno di Chopin. Dopo una giornata passata a casa o al lavoro, da soli o con gli altri, siamo pieni di emozioni, pensieri e ricordi. La musica si spande e fa risuonare le voci che abitano la nostra vita interiore: arriva a tutti, ma dà l’illusione di parlare solo a noi. Ha il tono di una confessione che rivela la nostra stessa anima. Si alimenta della vita interiore, del “rumore emozionale” che è in noi: le nostre emozioni sono messe in risonanza. Questa fusione tra suono e “voci interiori” è promossa dalla musica stessa, ed è parte del godimento che proviamo ascoltandola. Il silenzio in gioco, qui, è esteriore: basta tacere, ascoltare, abbandonarsi al fluire dei suoni e delle emozioni”.
(Emanuele Ferrari, “Ascoltare il silenzio”, Mimesis, 2013)
images

L’Incontro e l’Aiuto

Incontrare – Giungere alla presenza di qualcuno o qualcosa, imbattersi, affrontare dal latino incontrare, derivato dell’avverbio incontra. “Siamo davanti a due enti, due forze, di cui almeno una si muove verso l’altra (etimologicamente, ‘contro’), e che comunque l’una verso l’altra sono rivolte. Il bello è che non cozzano. Convergono in un luogo comune, si soffermano. Perciò quello che potrebbe parere un moto schiettamente aggressivo non lo diventa per forza, anzi. Perfino i pugili che si incontrano sul ring (e che in effetti se le danno sode) lo fanno in un contesto di sportività, quasi di cavalleria. Figuriamoci se poi ci allontaniamo da situazioni del genere: l’incontrare e l’incontrarsi esprimono nella maniera più trasparente il loro senso di confronto, di contatto, per quanto spesso accidentale, non programmato – abbracciando sfumature che vanno da quell’affrontare fino all’imbattersi. Pensiamo a quando incontriamo lo sguardo della persona che ci fa venire la testa leggera; pensiamo a quando ci incontriamo in spiaggia più o meno sempre alla stessa ora; pensiamo al piatto che incontra davvero il nostro gusto.
Poi, se si guarda sui dizionari, l’analisi della casistica d’uso di questo verbo è sterminata – prende ora la forma del transitivo (incontro un cinghiale), ora dell’intransitivo pronominale (il sindaco si è incontrato con il comitato), ora del riflessivo reciproco (si sono incontrati al bar), ora dell’uso assoluto (il film incontra molto). Ciò che fa davvero la differenza è conservare la consapevolezza dell’immagine fondamentale del verbo, con tutta la sua grazia: una convergenza nell’istante”.

(dal sito unaparolaalgiorno.it)

E l’Aiuto?  ” …  È chiaro che però sia proprio il momento di difficoltà a far risaltare questo atto… 

…  Allora riesce come atto nobile, di alta umanità e di grande delicatezza: anche prestare il giusto aiuto non è facile, così come spesso non è facile accettarlo…”

Ascolto delle Emozioni

E le Emozioni? Le Emozioni sono fondamentali per ogni persona, esse rappresentano un patrimonio personale imprescindibile. Ne parleremo a fondo.  Ecco per iniziare un contributo da parte di un’operatrice volontaria dell’Ascolto e coordinatrice del Punto d’Incontro San Giorgio.


12661970_125687124481610_1403885456902577978_n

ASCOLTARE LE EMOZIONI

“Quando trattiamo con la gente, ricordiamo che non stiamo trattando con persone dotate di logica. Noi stiamo trattando con creature dotate di emozioni.”       (Dale Carnegie) 

“Quando una persona ci chiede di ascoltarla, quello che ci verrà a raccontare saranno le sue emozioni. Perché la vita è fatta di emozioni. E ognuno prova le sue. Quindi quello che dovremmo riuscire a fare è chiudere la bocca e aprire, no, non le orecchie, servono solo per sentire, ma aprire la mente. Perché solo così riusciremo a non giudicare le emozioni che quella persona ci sta portando e solo allora la potremo comprendere ed aiutare. Magari non condividere, ma comprendere ciò che Lei sta provando, tralasciando per un attimo ciò che noi pensiamo, per poter portare rispetto alle sue emozioni.

Tutto questo viene ben detto in questo video di Irene Facheris, psicologa e formatrice, che nel web dialoga molto con i giovani”.

(Annamaria Sudiero)


Essere d’Aiuto

Chi vuol Aiutare è non sempre consapevolmente un Operatore sociale, in quanto si rivolge agli altri, ma in modo spontaneo.

Vivere la relazione d’aiuto è comunque importante. Farlo con piena consapevolezza permette di utilizzare strumenti utili e spesso determinanti nell’attività di Aiuto.

E’ interessante il collegamento con la guida alpina, proposto da uno scrittore trentino, al fine di collocare correttamente il ruolo di chi aiuta.

“Come una guida alpina non decide la meta e non cammina al posto delle persone che accompagna, così l’operatore sociale si mette a disposizione delle persone in cammino per agevolare e conseguire significativi e impegnativi cambiamenti nella loro vita”

(http://www.fabiofolgheraiter.it/)    –    Folgheraiter-Fabio

L’Incontro, tutto ha inizio lì

Scriveva un gesuita francese, Michel de Certau: “ogni incontro con l’altro è un colpo alle nostre certezze“.

Quando siamo partiti nel 2012 con un’attività di “primo ascolto” rivolta alla popolazione, con uno sguardo privilegiato rivolto al quartiere di riferimento, abbiamo deciso, dopo lungo confronto, di darci un nome che non evidenziasse l’Ascolto, ma il suo presupposto, ossia l’Incontro. Da questo passaggio è nato il “Punto d’Incontro San Giorgio“.

Infatti tutto ha inizio dall’Incontro tra persone, tra gruppi, tra comunità.

Il passaggio più semplice e che ha elementi basilari è l’Incontro tra due o più persone. Nel contempo esso rappresenta il passaggio più importante e rivoluzionario.

Per noi e per gli altri.

Quanto avviene e può avvenire nell’Incontro è qualche cosa di non scontato e che risponde alle conseguenze della Relazione con tutte le sue implicazioni.

Una di queste implicazioni è data dalla forza motivante che viene a scaricarsi a terra grazie all’essere in relazione, spinta che permette il cambiamento in qualsiasi persona coinvolta.

Ma c’è qualcosa di più nella Relazione che scaturisce dall’Incontro. Inoltre nella vita di tutti contano anche gli Incontri mancanti, le occasioni perdute di esserci.

Lo scrittore e insegnante Eraldo Affinati dice in uno dei suoi testi recenti (http://www.eraldoaffinati.it/):

Ognuno di noi è il frutto degli incontri che ha avuto. E anche di quelli che avrebbe potuto fare e invece gli sono sfuggiti. Perfino delle esperienze mancate. Anzi, più vado avanti negli anni, più mi rendo conto che certe nostre dolorose diserzioni contano quanto le presenze che siamo riusciti  a realizzare. Siamo frammenti in un disegno complessivo…”.

4dy6851hl3-volto-creato-con-i-rami-degli-alberi-buongiorno_a

Dalla Relazione all’Aiuto

E’ interessante affrontare il tema della Relazione d’Aiuto.

Ci saremmo arrivati presto o tardi. L’attività di primo ascolto del Punto d’Incontro San Giorgio rientra infatti nelle relazioni di aiuto. Ma vediamo di cosa stiamo parlando partendo dalle parole.

Relazione e Aiuto con riferimento a quanto dice una professionista Assistente sociale e studiosa, la dot.ssa Chiara Avataneo (la relazione) e a quanto pubblicato nel sito unaparolaalgiorno.it (l’aiuto).

Relazione L’etimologia del termine relazione è il verbo latino refero-refert-relatum-referre che può essere tradotto nei significati di: riferire, riportare, restituire. Tutti questi verbi implicano un rapporto tra due persone, attraverso “qualcosa” che li vincola, li definisce, deve essere fatto, considerato o riportato: questo “qualcosa” è ciò che crea il rapporto. Perché ci sia una relazione sono così necessarie “due entità” e un “prodotto”, frutto dell’interazione dei due elementi e non di uno soltanto. Il concetto di relazione si associa al termine rapporto, interazione. La possibilità di identificarsi e specificarsi di un individuo rispetto ad un altro, sembra possibile solo all’interno del rapporto e della relazione che si crea tra due persone. Il termine relazione è molto più forte e pregnante del termine interazione. Quest’ultimo implica una semplice unità di scambio tra due persone, la relazione pare avere a che fare con qualcosa in più e di più profondo”.

Aiuto – “E’ un’opera che in un momento di difficoltà si presta o si riceve. Deriva dal latino adiutus-adiuvare, composto di ad e iuvare giovare.
In sé questa parola non contiene il momento di difficoltà, ma solo il giovamento – dato o ricevuto. È chiaro, però, che sia proprio il momento di difficoltà a far risaltare questo atto: non si parla di aiuto se un amico arriva a casa tua portando la cena, ma se è qualcosa che non ti potevi permettere, o che non avevi il tempo di fare, questa azione chiara risalta sullo scuro della situazione. Allora riesce come atto nobile, di alta umanità e di grande delicatezza: anche prestare il giusto aiuto non è facile, così come spesso non è facile accettarlo.
È un grido, una necessità urgente, un’offerta generosa. Un’esperienza strana perché vissuta – per una volta – dalla parte di chi riceve anziché dare, come un genitore invecchiato e ora bisognoso dell’assistenza del figlio. Trovarsi dalla parte dei bisognosi rende più consapevoli che non è facile lasciarsi aiutare e nemmeno imparare un poco di umiltà”.

Da queste parole arriviamo alla Relazione d’Aiuto.

Vediamo il significato in breve. Avremo ancora modo di tornarci.

Il termine Relazione d’Aiuto rappresenta il legame che si instaura tra una persona capace di dare aiuto e un’altra che ha bisogno di riceverlo” (Fabio Folgheraiter).

Guardando per esempio ai servizi sociali di un ente territoriale, “è immediato pensare che l’aiuto arrivi attraverso la relazione che si crea tra la persona che si rivolge al servizio e l’operatore. In tal caso la relazione potrebbe essere così intesa come un legame esclusivo tra l’operatore e la persona stessa che chiede l’assistenza” (Chiara Avataneo).

Esistono, come potremo vedere in altre fasi del nostro blog, almeno due elementi di rilievo nella Relazione d’Aiuto:

. un legame significativo che coinvolge entrambi, l’operatore e la persona  che chiede   l’assistenza (detta anche Cliente o Utente);

. un ponte tra una situazione attuale di chi è nel disagio e una situazione migliore, a cui  approdare grazie al sostegno dell’operatore (persona competente).

FB_IMG_1508659537793

(Foto Anna Patt 2017)


Solo? Sola?

Dov’è la solitudine? Cos’è la solitudine? È una condizione fisica (nessuno ci chiama, nessuno ci sta vicino) o una condizione dell’anima?

Ho affrontato altre volte questo tema, consapevole che la solitudine è condizione essenziale per una crescita profonda e per entrare in contatto con il dolore, la rabbia, la paura, emozioni che hanno un posto dentro ciascun uomo.

Ci sono situazioni in cui ci si sente profondamente soli.

(Mauro Cason)

(brano tratto da “Uomini soli” – https://maurocasonscrittore.wordpress.com/)

.

Talvolta è sufficiente che qualcuno ti ascolti, con l’attenzione del cuore, e si ricomincia a vivere.

IMG_20171015_145821

Grazie al Gruppo di Coordinamento e a Elisa (ideazione e foto), Annamaria&Annamaria (cura della grafica&modella).


Grandezza dei racconti della vita

Tra qualche mese saranno cinque anni di vita del Punto d’Incontro San Giorgio. E’ un periodo molto intenso di pensieri, emozioni e azioni. I volontari del gruppo stanno lavorando allo scopo di dare ad ognuno una rinnovata visione, una rafforzata motivazione, verso una delle attività più importanti, più coinvolgenti e anche più difficili: ascoltare in profondità i racconti della vita.

fragibilita_470x260[1]

Si prosegue nelle attività che sono pilastro portante del Punto d’Incontro San Giorgio, ossia i Presidi di accoglienza e ascolto presso due punti d’incontro a Poleo di Schio (il centro civico e la canonica), la Comunicazione verso la cittadinanza con l’invio a tutti i residenti del quartiere di riferimento (cinquemila notiziari e volantini), il fare Rete unendo le risorse esistenti con altri centri di ascolto della zona, la Formazione interna verso i volontari dell’ascolto e la Formazione verso la cittadinanza con l’aiuto di importanti professionisti.

Tutto ciò si integra nella continua Ricerca che i singoli e il gruppo mantengono costante per una personale crescita e per una crescita del gruppo stesso. Il percorso si inserisce inoltre in una esperienza che si definisce “Gruppi d’Incontro“, in cui il cambiamento personale è la trasformazione della persona che può avvenire grazie all’esperienza diretta vissuta in piccoli gruppi d’incontro volta a volta formatisi. Ed è questo il succo della Formazione che viene rivolta ai volontari stessi e alla collettività. Cardine di tutte le attività è quindi l‘ascolto autentico che rimane il focus centrale dell’esperienza del Punto d’Incontro San Giorgio, autentico perché riesce a farsi prendere dalla grandezza dei racconti della vita.

Ecco allora il pensiero dedicato a chi riesce a farsi coinvolgere dalla grandezza dei racconti portati dalla vita delle persone. A chi svolge professioni educative, sociali, di cura, e accompagna storie fragili o bloccate a generare altra storia.

“Quando ascoltiamo le voci della vita non c’è spettacolo, c’è il sacro della vita umana. E chi ascolta – come a noi capita per mestiere – è preso dalla grandezza dei racconti della vita, dalle possibilità dell’umano che in esse si schiudono”.                                                                (Pietro Clemente, Antropologo)

–  a cura di Gianni Faccin –