Andrà tutto bene?

Proponiamo oggi la traduzione di un testo di Bob Marley e – più sotto – il video della canzone nell’interpretazione della cantante jazz Stacey Kent (da Youtube: Three little birds).

In questo tempo indecifrabile, che solo più avanti potremo capire meglio, ma che ci porta a condividere molte situazioni problematiche e anche tragiche, abbiamo bisogno di ispirazione e di ritrovare il sorriso e l’autenticità delle cose piccole e belle.


mi sono svegliato stamattina, sorridente con il sole che stava sorgendo, tre uccellini erano seduti sul gradino della porta cantando dolci canzoni con melodie pure e vere, dicendo: “questo è il mio messaggio per te”

cantando “non preoccuparti di niente, perché ogni piccola cosa andrà bene”

cantando: “non preoccuparti di niente, non preoccuparti di niente, oh!
perché ogni piccola cosa andrà bene, non preoccuparti”
cantando: “non preoccuparti di niente” io non mi preoccuperò”
“perché ogni piccola cosa andrà bene”


Ascolto e counselling ancor più importante, qui e ora

Pezzo tratto da Oltre – L’Altovicentino, domani (http://www.oltrepolitica.it) del 22 maggio – intervista a Gianni Faccin

22 Maggio 2020 / Welfare

Gianni Faccin – già dirigente Unicredit Group – è oggi libero professionista e studente presso Unipd. È responsabile del progetto DimmiTiAscolto e dei centri di ascolto del Punto d’Incontro San Giorgio. Membro di Gsm San Giorgio di Poleo a Schio (Vicenza) fa parte di altre organizzazioni non profit della provincia. Counsellor professionista, da anni si occupa di animazione sociale. In questi giorni di parziale ripresa di tante attività, ospitiamo volentieri una sua riflessione su come il lockdown abbia trasformato, anche sul nostro territorio – in cui è cruciale l’incontro e la vicinanza tra le persone – il modo di praticare “ascolto” di chi è nel disagio.

Da anni mi occupo di ascolto, anzi mi ci dedico proprio. È una dimensione che è propria di ogni persona e ha implicazioni a livello individuale, di coppia, di gruppo, di azienda, di comunità. Amo esplorare e praticare l’arte di ascoltare e tocco con mano costantemente come siamo tutti bravi nell’arte di non ascoltare. Oggi cerco di diffondere il messaggio anche attraverso alcuni blog e consolidate collaborazioni, un messaggio condiviso da molte persone co-costruttrici, interessate e competenti.

Da questo amore è partito in me, già ai tempi del mio lavoro in azienda, il desiderio di promuovere dei centri di ascolto che fossero, tramite diverse attività mirate, agenti di cambiamento positivo, per il singolo e per la comunità.

Quindi, oggi, sono funzionanti a Schio (VI) diversi “spazi di ascolto e condivisione” che sono culminati recentemente con l’apertura di un centro di ascolto e counselling nel vicino comune di Thiene. Purtroppo proprio in questo periodo le cose si sono arenate per l’impossibilità di realizzare incontri vis à vis, come è giusto ed importante che avvenga.

Ecco allora, recentissima, l’attivazione di un servizio gratuito online di ascolto e counselling, in modo da permettere a chi lo volesse di raggiungere un gruppo di professionisti, tutti formati in counselling relazionale, al fine di porsi in relazione d’aiuto, con audio-video, utili a fornire un sostegno morale per persone di ogni età, giovani e anziani, anche con particolari fragilità, che potrebbero trovarsi particolarmente a disagio in seguito alla drastica interruzione delle loro abitudini d vita ed essere più facilmente soggetti a stati di preoccupazione, ansia e paura

Si vorrebbe anche aiutare a mantenere la socializzazione, sia con collegamenti individuali sia con collegamenti di gruppo, sfruttando le vie online, per favorire lo scambio di esperienze, il dialogo e per mantenere vive le relazioni. Esiste già il dialogo tra gruppi, associazioni ed enti al fine di mantenere e favorire il lavoro di rete. La nostra iniziativa prevede contatti e colloqui via video e quindi si basa su collegamenti in web con varie piattaforme. Anche per me, anche per il nostro gruppo, si tratta di una novità, inaspettata e imprevedibile nei suoi sviluppi. È importante accettare questa sfida, e dare un contributo di aiuto concreto ai singoli e alla comunità. 

Siamo per andare “Oltre”.


immagine Pixabay – a cura della Redazione DtA

Colpa?

Il presidente della nostra associazione,  Giorgio Santacaterina, cui fa capo la nostra attività di centri di ascolto, ci invia e condivide anche nel suo sito social, questa bellissima ed efficacissima lirica di A.M. Arreche. Volentieri la facciamo nostra.

Viviamo tempi in cui serve insistere sulle cose vere, autentiche, genuine.

Questa poesia aiuta molto.

foto (3)

“Mi dichiaro colpevole di fidarmi dell’altro
di sognare a voce alta
di cercare la poesia.
Mi dichiaro colpevole
di dire quello che sento
di scommettere sul sentire
di credere nel detto.
Mi dichiaro colpevole
di sentire che è possibile
piangere un’assenza
un incontro.
Mi dichiaro colpevole
di vivere un altro tempo
di fidarmi di un gesto
di insistere per la verità
Mi dichiaro colpevole
Si.
Mi dichiaro colpevole.
Non me ne pento”.

(Araceli Mariel Arreche)

.

jiu1oq4z5z-mi-dichiaro-colpevole-di-sognare-a-voce-alta-di-fidarmi-dell-altro-di-cercare-la_a


 

Dedicato ai volontari del centro

Editoriale zero

IMG_0224

Dalla goccia al fiume al mare …

Ai carissimi collaboratori e amici che sono ancora oggi con me per cercare di aiutare chi non ce la fa dopo oltre quattro anni di ricerca, impegno e condivisione.

Altruismo il più possibile disinteressato per essere autentico.

Grazie a Angela, Anna, Anna Ester, Annamaria, Beppe, Clitta, Emanuela, Francesca, Gianfranco, Maria,  Maria Rosa e Serena. Un grande grazie!

Sento di esprimere poi riconoscenza anche ai nuovi amici e volontari: Beatrice, Fabiola, Ivonne, Miris, Rosanna e Rosy.  Grazie!

Gianni

Goccia nell’oceano

«Se una persona, una famiglia, un gruppo o una comunità hanno bisogno aiutiamole. Meglio ancora aiutiamole ad aiutarsi»  

                Tutto ciò perché?

«Per cercare di ricreare nella nostra realtà territoriale nuovi slanci di speranza e di fiducia, favorendo nelle persone e nella comunità nuove consapevolezze. Allo stesso modo in cui una goccia rigenera, insieme a molte altre gocce, l’oceano»

(dal Progetto culturale)