Chi viene prima? Mente o corpo?

Come già detto, alcuni considerano la corsa come fondamentale per la nostra salute. Ne parlai già a gennaio (https://dimmitiascolto.wordpress.com/2019/01/01/runner-soli-o-insieme/).

Certo il correre da soli non va messo al primo posto come obiettivo delle nostre vite, ma ci aiuta fisicamente. Ma è giusto mettere il fisico prima della mente? I latini dicevano: “Mens sana in corpore sano”.

Ora la situazione si è invertita: infatti sembra che in un corpo bello sia impossibile trovare difetti che appartengono all’essere umani. Chi è bello è per forza vincente ma… Abbiamo provato a conoscere, a parlare, a confrontarci con persone che definiamo “brutte” solo perché si trascurano? Non è questa una quasi esplicita richiesta d’amore da parte di quest’ ultime?

Perché siamo così invasi dal pregiudizio che non riusciamo ad instaurare un dialogo con una persona “brutta”? Parlo sempre dell’ estetica, l’ ossessione del momento che tormenta entrambe le categorie: chi vuole essere sempre più bello, e chi non riesce ad esserlo, bello.

E’ quindi una situazione sociale che porta all’infelicità di tutti, pur di spingere all’acquisto dello shampoo perfetto, della crema miracolosa, del rossetto del momento o della giacca firmata da coloro che ormai sembrano gli unici dispensatori di felicità.

Penso perciò che l’ obiettivo di oggi sia quello di guadagnare, non un posto in paradiso, bensì qualcosa di sterile che porta ad un sentirsi amati e inclusi assolutamente in quanto fittizi ed effimeri.

.

13924975_10210263084402884_1011753338837004962_n Beatrice Bertoli

Insieme all’Ascolto, guardando nella stessa direzione

Gli Operatori volontari di Poleo e di S. Cuore, frazioni e parrocchie di Schio (Vicenza), facenti parte del quartiere più grande un tempo denominato Stadio, per la presenza del vecchio stadio del Coni, hanno deciso di fare rete collaborando ancor di più.

In un epoca in cui tutti parlano e danno giudizi, spesso senza sapere quale sia l’argomento vero, in cui molti dicono che è indispensabile “fare rete”, senza passare a mettere in pratica la buona intenzione, ecco un piccolo esempio che mette insieme esperienze diverse, con matrice diversa.
E’ una bella e buona pratica in cui pur diversi si guarda nella stessa direzione, facendo le cose che accomunano e mantenendo fede alla propria identità associativa.

INSIEME all’ASCOLTO delle persone!

Siamo lieti di annunciare che si rende ancor più operativa la rete di collaborazione tra il nostro Punto d’Incontro San Giorgio e il Centro di Ascolto S. Cuore.
Riparte l’attività formativa insieme e insieme ci si offre all’ascolto delle persone.

26/3/2017                 Punto d’Incontro San Giorgio e Centro d’Ascolto Sacro Cuore

CASC-1