Se non io, chi?

Ricordo di Renata

1-20416_301069973337216_1961301277_n.jpg
Foto riportata sopra riprende Renata (in alto a sinistra) con alcuni dei volontari che hanno partecipato al corso di formazione per la costituzione del Punto d’Incontro San Giorgio

.

Renata Novello, pedagoga, formatrice e Counselor filosofico, con molta esperienza in campo organizzativo, aziendale e nella formazione, ci ha seguito nella progettualità fin dagli inizi del 2012. Con Renata, presentataci dall’amica e collaboratrice Luciana Dalla Valle, abbiamo stilato e perfezionato due importanti percorsi: “… E se non io, chi?” –  laboratorio di inter-formazione per l’accoglienza e il primo ascolto; e “Intrecciare canestri” – laboratorio per un gruppo di responsabili di volontariato che condividono un comune contesto di riferimento.

Dal primo laboratorio si è poi arrivati spontaneamente alla costituzione, come negli intenti dei fondatori, del Punto d’Incontro San Giorgio (2012 – 2017) e alla fatidica data dell’8 dicembre giornata dell’inaugurazione.

E’ grazie anche a Renata che oggi siamo operativi e siamo qui a raccontarlo.

Nel luglio scorso Renata ci ha lasciato.

La ricordiamo oggi con queste brevi parole rispettando la sua usuale riservatezza e il suo distacco da tutto ciò che potrebbe essere effimero.

Nel rammentare piacevolmente le sue riflessioni e i suoi ragionamenti riportiamo alcuni passi che hanno ispirato il comune percorso, tratti da “Hillel il Vecchio” di Adin Steinzalts (traduzione di Paola Abbina):

“”… può verificarsi una situazione diversa: tu lavori, studi e ti dai da fare. Ed effettivamente ti riesce tutto, nello studio, in società e in famiglia. E allora inizi a pensare: la cosa fondamentale e il principio di tutto sono solo io. Che importanza ha mai ciò che gli altri fanno e l’aiuto che mi danno, posso far tutto da solo. So leggere e scrivere e posso studiare da solo. A casa me la cavo da solo, e a che mi serve che gli altri si occupino di me? Fra i miei amici io sono sempre il leader, sono loro ad aver bisogno di me, io non ho bisogno di nessuno. Qui è di nuovo necessario ricordare le parole di Hillel il Vecchio: “E se io sono per me stesso, cosa sono?”. E’ giusto, l’uomo deve preoccuparsi di fare tutto da solo, e non contare sull’aiuto degli altri. Dall’altra parte però non deve pensare che da solo può fare tutto. Perché tutto ciò che l’uomo sa, tutto ciò che egli fa è basato sulla collaborazione: c’è collaborazione fra amici che si aiutano l’un l’altro per essere un gruppo, e c’è collaborazione in famiglia quando tutti i membri si aiutano e costruiscono insieme la casa. E c’è anche una collaborazione fra le generazioni, quando una generazione passa alla successiva il tesoro delle proprie conoscenze, affinché i giovani e gli studenti proseguano oltre. Così sono necessari i due insegnamenti di Hillel il Vecchio: da una parte che non
contiamo solo sull’aiuto degli altri e che non facciamo nulla da soli; e dall’altra di non insuperbirsi, non pensare che tutti gli altri non sono importanti, bensì saper procedere per il sentiero d’oro, il giusto mezzo“”.

Grazie, Renata.


Autore: progetto DIMMItiASCOLTO

Centri di ascolto e di cultura - emanazione Gsm San Giorgio Odv

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...